Al Fuel si fa il pieno di energia… sotto varie forme. La più armonica, quella che più di tutte dà spazio all'espressione umana perchè… improvvisa, è la musica.
La musica che canta, per gli amici semplicemente jazz

IL PROGRAMMA

SETTEMBRE - OTTOBRE
NOVEMBRE - DICEMBRE 2015

Cambia la stagione... ma la musica non cambia: Fuel rimane il jazz-club più originale della città!!
Sarà un autunno-inverno pieno di jazz quello che è appena iniziato, e tra un arpeggio e l'altro ci sarà tutto il tempo per assaporare la cucina del nostro chef!

FUEL Locandina SET-DIC 2015-01.jpg

MAGGIO - GIUGNO
LUGLIO 2015

Nuovi appuntamenti con i LIVE del Fuel, per una estate all'insegna del BUONO: buona musica, buona tavola, buon vino... buona vita!!!!

OTTOBRE 2014

Continuano gli appuntamenti del Fuel con il Jazz. 
Che stia diventando una cosa seria??

Mah, si vedrà… anzi, a dire il vero per tutto l'autunno si ascolterà dell'ottima musica!!

FUEL Locandina autunno.jpg

SETTEMBRE 2014

Mercoledì' 10 Settembre
A B C TRIO - ABRAMS BONISOLO CARPENTIERI
+ special guest Yotam Silberstein

ABC Trio è attivo da diversi anni, una formazione “tenorsax-bass-drums” il cui repertorio spazia dalle composizioni originali all’interpretazione di alcuni classici del patrimonio jazzistico.
Per "FUEL un pieno di JAZZ", il trio incontra un ospite speciale: il chitarrista israeliano Yotam Silberstein.
Robert Bonisolo sassofonista canadese è nato a Niagara Falls nel 1966 e si è diplomato al “Berklee College of Music” di Boston con John La Porta e Jerry Bergonzi, ha poi studiato a New York con Dave Liebman e Joe Lovano. Stabilitosi in Italia, si pone come uno dei talenti più considerevoli della scena jazz, affermandosi come virtuoso e collaborando con i migliori musicisti.
Yotam Silberstein, dall'ultima data al Ronnie Scott di Londra del tour europeo con Gary Burton e la Dizzy Gillespie All-Stars Band, arriva in Italia in settembre per una serie di concerti che culminerà con il concerto al Fuel di Padova.

LUGLIO
AGOSTO 2014

Venerdì 11 luglio
in arrivo un DUO fantastico formato da TIZIANA GHIGLIONI alla voce e CARLO MORENA al piano, con il progetto “SongYes”.

Pur provenendo da mondi musicali differenti,i due musicisti sono legati da una grande passione per la grande tradizione jazzistica e dalla curiosità per la ricerca del suono e l'improvvisazione libera. TIZIANA GHIGLIONI è la più storica delle voci del Jazz italiano. CARLO MORENA, splendido strumentista e compositore, costruisce solide e sapienti armonie connotando ogni brano ed arricchendolo di colori cangianti, il tutto con un modernissimo sostegno ritmico che dà spazio alla voce e permette alla Ghiglioni di esprimere le varie sfaccettature della sua vocalità, avvolta da un'atmosfera estremamente elegante e stimolante. Nel repertorio arrangiamenti di musiche di Duke Ellington, Thelonious Monk, Charlie Mingus, Mal Waldron, Sun Ra.

 

Martedì 22 luglio
sarà la volta del New Encounter Trio” con FEDERICO CASAGRANDE alla chitarra, FRANCESCO GEMINIANI al sax tenore e TOMMASO CAPPELLATO alla batteria.

I musicisti che compongono questo trio hanno personalità musicali molto identificabili grazie all'ampio spettro di esperienze che ognuno di loro ha accumulato nelle proprie già ricche carriere. Attivi nella scena internazionale, si sono formati negli Stati Uniti, in ambiti in cui l'elemento timbrico e melodico ben si sposa con l'aspetto ritmico, elementi che traspaiono inequivocabilmente nelle loro composizioni e approccio stilistico.

 

Martedì 5 agosto
salirà sul palco di Fuel il “Danilo Memoli Trio Feat. Gianni Cazzola”

Il pianista DANILO MEMOLI  vanta importanti collaborazioni con Steve Grossman, Eddie Henderson, Jim Snidero, Lew Tabackin, Vincent Herring, Jesse Davis, Dave Schnitter. Da 50 anni sulla scena jazzistica, GIANNI CAZZOLA è il batterista italiano più rappresentativo del linguaggio swing e del be bop.  GIANNI CAZZOLA è un musicista generoso, entusiasta, scatenato, estroverso, che vive dello scambio adrenalinico con il pubblico. Da sempre ispirato da quell’Art Blakey che con Horace Silver, fondò il mitico gruppo dei Jazz Messenger, al quale ha dedicato uno splendido cd live realizzato a capo di un quintetto titolato proprio “Blakey Sounds”, Gianni “Swing” Cazzola annovera fra le collaborazioni della sua lunga carriera altrettanti importantissimi nomi, sia italiani che stranieri. Citiamo a caso: Art Farmer, Don Byas, Joe Venuti, Lee Konitz, Al Cohn, Clark Terry, Gerry Mulligan, Phil Woods, David Liebman, Tom Harrell, Steve Lacy, Eddie Gomez … e poi Billie Holiday, Sharah Vaughan, Sheila Jordan, Hellen Merrill e ancora Giorgio Gaslini, Enrico Intra, Paolo Fresu, Mario Rusca, Franco D’Andrea, Guido Manusardi, Tiziana Ghiglioni, Massimo Urbani, Larry Nocella, Franco Ambrosetti, Gianluigi Trovesi. Piace però ricordare, fra tutte, quella con il compianto Luca Flores, che, con il loro Matt Jazz Quintet, attivo nella prima metà degli anni 80, è documentata su ben 4 cd, di cui uno (live) assolutamente da considerarsi un capolavoro.

MAGGIO
GIUGNO 2014

Martedì 27 maggio 
“THE ECLECTIC BAND” con DAVID BOATO alla tromba, MICHELE POLGA al sax, LELLO GNESUTTA al basso e LUCA COLUSSI alla batteria. Il gruppo presenta  “ELECTRIC MILES” un omaggio al jazz elettrico e ai suoi artisti più rappresentativi.

“THE ECLECTIC BAND” rivisita il Sound elettrico nato alla fine degli anni 60 e, mantenendo presenti le caratteristiche fondamentali, propone una visione personalizzata, che tiene in considerazione le recenti innovazioni del jazz e della musica di contaminazione.
Il veneziano DAVID BOATO (tromba, flicorno, composizione) ha suonato a lungo negli States, negli anni Novanta, per poi tornare in Italia e collaborare con importanti formazioni come la “Keptorkestra” e il quartetto di Pietro Tonolo, e con solisti come Paolo Birro, Mauro Negri, Sandro Gibellini, Augusto Mancinelli, Marco Vaggi, Massimo Manzi, Renato Chicco, Aldo Zunino, solo per citare i più importanti. Ricordiamo anche il trio “Current Changes” con Franco D’Andrea e Naco, “L' Orchestra del Suono Improvviso” con Lee Konitz.... Una trentina i cd incisi finora.

MICHELE POLGA, col suo sax, si distingue fra i giovani talenti del Jazz italiano per essere calato nella migliore tradizione interpretativa moderna, per l’alto livello del suo solismo e per la bontà delle sue composizioni. Aspetti, questi, che lo pongono nel novero dei musicisti che hanno studiato e maturato in profondità un proprio linguaggio e che iniziano a dispiegare il loro talento, sviluppando una personalità musicale di alto livello: impegnato nella costruzione di un proprio percorso artistico, Polga sa sempre piacevolmente stupire, anche rompendo le convenzioni strettamente jazzistiche.

Martedì 10 giugno 
"EXPANDING TRIO" diretto da GREG BURK al piano, con STEFANO SENNI al contrabbasso, ENZO CARPENTIERI alla batteria e con, ospite d'eccezione, il grande sassofonista PIETRO TONOLO.

Uno tra i più raffinati pianisti della sua generazione, GREG BURK è stato definito "uno sperimentatore con la serena sicurezza del mainstreamer" e come altri giovani colleghi (pensiamo a Benny Green, Ethan Iverson o Jason Moran) mantiene un profondo rapporto con la tradizione degli anni cinquanta, sulla quale costruisce la propria definizione espressiva.
SENNI e CARPENTIERI negli ultimi anni condividono diverse esperienze musicali insieme; concerti in Spagna e ripetuti ingaggi al Cafè Central di Madrid con il sassofonista Bob Sands, fino alla registrazione di due album in studio: "Opening" insieme al chitarrista Pietro Condorelli ed "Everywhere Is Here" con il cornettista Rob Mazurek, un disco a nome di Carpentieri che ha ottenuto recensioni positive, segnalato dal Jazzit Award come uno dei migliori del 2011. 

PIETRO TONOLO è un sassofonista ai vertici del jazz contemporaneo pur mantenendo lo spirito avventuroso delle origini. Ha suonato al fianco di Chet Baker, Massimo Urbani, Steve Lacy e Joe Chambers, con Gil Evans, Franco D’Andrea ed Enrico Rava, ma la lista (enorme) prosegue. Si ritiene fortunato Pietro Tonolo ad aver “fatto musica” con questi giganti. Fortunato di continuare ad elaborare il “suo suono” insieme a musicisti - afferma sempre lui - di livello altissimo. Parole genuine e sincere che, così come la sua musica, pongono il sassofonista veneto ormai da molti anni ai vertici del jazz contemporaneo.

Giovedì 26 giugno 
quartetto di stelle, capitanato dal giovanissimo e talentuoso sassofonista MATTIA CIGALINI, con PAOLO BIRRO al piano, LORENZO CONTE al contrabbasso e ENRICO SMIDERLE alla batteria.

Il pianista PAOLO BIRRO e il contrabbassista LORENZO CONTE suonano assieme da 25 anni. Nel corso della loro carriera hanno dato vita a importanti progetti musicali accompagnando e registrando con grandi musicisti come il sassofonista Lee Konitz e il batterista Eliot Zigmund. Questa volta affiancati da Giancarlo Bianchetti alla batteria  incontrano un nuovo astro emergente del panorama jazz italiano, il giovanissimo MATTIA CIGALINI al sax alto. Questa formazione trae la sua forza dalla profonda passione per la più genuina tradizione jazzistica e il suo sviluppo nel jazz attuale. Il repertorio comprende sia standard jazz che originals. 
MATTIA CIGALINI, classe 1989 attualmente è docente di Saxofono Jazz presso l'Accademia del Suono di Milano, e presso la "Swiss National Music Accademy" in Svizzera.Collabora con i più grandi artisti italiani ed internazionali (Tom Harrell, Uri Caine, Randy Brecker, Stefano Bollani, Paolo Fresu, e tantissimi altri) esibendosi nei più famosi teatri, feastivals e sale da concerto in Europa e nel mondo.
Nel 2011 viene nominato "Ambasciatore per i Diritti Umani" da ONLUS - Associazione per i Diritti Umani. Dal 2013 è Direttore Artistico di "Val Luretta Jazz", Festival con annessi seminari di musica jazz, che si svolgerà ad Agazzano (PC) nel suo paese di residenza.

CENA GRAND GOURMET E CONCERTO  (vini esclusi) euro 30,00 - ore 20.00

CONCERTO (una consumazione compresa) euro 15,00 - ore 21.30